Cerca nel sito


« Interessi passivi (2) – I legami tra Rating e Costo del denaro | Principale | Basilea 2, la crisi: quella nostra e quella degli altri. Buona Pasqua. »

03/22/2009

Commenti

Michela

Sto preparando la tesi triennale e vorrei fare alcuni approfondimenti su Basilea 2. In quasi tutti i testi e gli articoli su Basilea 2 ho trovato fra le soluzioni possibili per le PMI "la ricapitalizzazione". Lei lo propone addirittura come metodo per spezzare il circolo vizioso + interessi - rating + interessi. Ma mi sfugge una cosa: come possono le aziende ricapitalizzarsi? O meglio: dove possono trovare le risorse per farlo? Anche perchè a tassi d'interesse più elevati corrisponde anche una minore capacità di autofinanziamento!

Risposta:
Michela, nelle ultime tre righe del suo commento anche lei ribadisce la forza del circolo vizioso di cui sopra... Per spezzarlo le aziende devono necessariamente riequilibrare il rapporto tra i mezzi propri e il debito, in particolare quello bancario.
Non c'è una "ricetta" per aumentare il capitale d'impresa. Se i soci sono dispongono di capitali, ovviamente il problema non sussiste...
Se non hanno disponibilità finanziarie le opzioni a disposizioni sono le seguenti:
- indebitarsi personalmente (valutando ovviamente costi e benefici..);
- cercare nuovi soci;
- utilizzare l'autofinanziamento (se l'impresa genera utili);
- ultima soluzione: cercare banche che facciano il cosiddetto prestito "mezzanino". In pratica la banca presta una certa cifra all'impresa, questa aumenta il capitale dello stesso importo e la restituzione del finanziamento viene effettuata (di solito con versamenti annuali) dai soci (e non dall'impresa). In pratica è come se la banca "anticipasse" l'aumento di capitale. Normalmente le banche che offrono queste opportunità si appoggiano alla garanzia di un confidi.
La mia risposta è qui necessariamente schematica, se vuole approfondire qualche aspetto, sono a sua disposizione.
Cordiali saluti.

I commenti per questa nota sono chiusi.